1. Indietro
  2. Home
  3. News
  4. ALLARME NEL SETTORE DEGLI IMBALLAGGI: AUMENTO DEL COSTO DELLA MATERIA PRIMA..!

ALLARME NEL SETTORE DEGLI IMBALLAGGI: AUMENTO DEL COSTO DELLA MATERIA PRIMA..!

ALLARME NEL SETTORE DELGI IMBALLAGGI: AUMENTO DEL COSTO DELLA  MATERIA PRIMA..!

 

La buona notizia è che la produzione di imballaggi industriali in legno e pallet è ripartita:

la produzione di imballaggi a marchio Fitok (il trattamento sanitario riservato ai prodotti utilizzati per le merci destinate ai Paesi extra-europei) secondo i dati diffusi dal Consorzio Conlegno è aumentata nel primo trimestre del 2017 dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2016, mentre quella dei prodotti a marchio Epal (il trattamento “standard” per gli imballaggi utilizzati invece sul mercato interno o europeo) è cresciuta del 5,1%.

C’è però un rovescio della medaglia che mette in allarme i produttori, come spiega Ezio Daniele, presidente di Assoimballaggi: «Da qualche mese stiamo vivendo una situazione difficile, perché il lavoro è aumentato dopo anni di calo ma questo sta creando un problema di reperimento della materia prima, con conseguente rialzo dei prezzi». Le segherie europee da cui tradizionalmente si riforniscono le aziende italiane del settore, in particolare quelle austriache e tedesche, non hanno infatti ancora ripreso i volumi di produzione pre-crisi e non sono dunque in grado di far fronte alla ripresa della domanda.

Sull’aumento dei prezzi dei segati incide anche la crescita dell’edilizia in legno nel nostro Paese, che richiede legname per la produzione dei pannelli in X-lam

Se a questo si aggiungono alcuni eventi “catastrofici” (incendi o malattie degli alberi) che lo scorso anno hanno ridotto in modo consistente la raccolta di legname in alcuni Paesi, come la Slovenia, è facile capire perché il prezzo della materia prima sia lievitato di circa il 10-15% negli ultimi due-tre mesi.

«E non è finita qui, potremmo arrivare a rincari fino a 20-25 euro al metro cubo ».

Noi di Sgarzi Packing abbiamo ammortizzato gli aumenti dei mesi scorsi, ma questo improvviso aumento, per evitare di ricaricarlo sui nostri clienti, ci sta chiedendo uno sforzo importante (non vogliamo abbassare i nostri standard qualitativi a livello di reperimento di materia prima, lavoreremo quindi su altri fronti per essere sempre competitivi, professionali e concorrenziali..)

Rif: http://www.ilsole24ore.com